Logistica & Supply Chain Management, Operations

Aumentare il fatturato con l’innovazione logistica

Esistono diversi modi per incrementare il fatturato migliorando la logistica. Nell’articolo che segue, con il supporto di alcuni casi aziendali, vedremo in che modo questo è possibile.

Le aziende più avanzate ottengono vistosi risultati grazie all’istituzione di un sistema logistico, nonostante non sempre usino il termine “logistica”. Per migliorare il fatturato e le quote di mercato si deve senza dubbio aumentare la qualità e ridurre i costi dei prodotti e servizi: se, infatti, questi due aspetti rappresentano un punto debole per i clienti, è impossibile sperare in un incremento di fatturato e di quote di mercato. Il miglioramento di questi aspetti passa, dunque, attraverso i seguenti punti[1]:

1- La riduzione del Lead-Time tra il ricevimento degli ordini e la consegna

Per spiegare il primo punto verranno presi in esame alcuni casi aziendali. Il primo riguarda un’azienda giapponese (la Smc) che costruisce impianti pneumatici. L’azienda in questione consegna i prodotti al cliente secondo le specifiche da loro richieste e montandoli nel giro di un giorno, in media trascorrono tre giorni dal ricevimento dell’ordine alla consegna. Una simile riduzione del lead time ha permesso a questa impresa di conquistare in questo settore la quota di mercato più ampia in Giappone. Il successo di questa azienda è dovuto ad una quantità appropriata di scorte di semilavorati con cui riesce ad avere un lead time più breve di alcuni giorni rispetto alla concorrenza. Naturalmente la qualità, le funzioni e i costi della Smc sono competitivi rispetto alle altre aziende: è chiaro, comunque, che per essa questo lead time così breve costituisce un fattore molto importante. La celebre catena di fast food McDonald’s offre ai clienti che frequentano i propri esercizi commerciali un servizio costante e ha eliminato i tempi d’attesa. Una famosa catena di grandi magazzini giapponese (Mitsukoshi), durante i periodi tradizionali dedicati all’acquisto di regali garantisce la consegna entro cinque giorni ed è proprio in questo modo che ha incrementato il numero dei propri clienti.

2- La diminuzione dei materiali mancanti

Un grossista di beni di consumo (Nomura Shoji), ha incrementato il proprio fatturato migliorando il livello di servizio ai clienti rispondendo alle ordinazioni dei dettaglianti consegnando nel 99,9% dei casi i prodotti richiesti. Un simile risultato è stato reso possibile dalla creazione di un appropriato sistema informativo per il ricevimento degli ordini da parte dei dettaglianti e l’istituzione di un sistema di centri di consegna. Ha istituito, inoltre, una rete informatica con quasi tutti i costruttori con cui intrattiene rapporti commerciali.

3- Il prolungamento della fascia oraria di ricevimento degli ordini

Un grossista di prodotti medico-farmaceutici (San-S) , da’ in dotazione ai suoi clienti  (farmacie e ospedali) terminali portatili. Utilizzando le linee telefoniche riesce a prolungare la fascia oraria di ricevimento degli ordini fino alla possibilità di ricevere ordini 24 ore su 24: così facendo ha incrementato il proprio fatturato. Una fabbrica costruttrice di macchinari (la Shin Nikkei), invece, era solita chiudere l’accettazione degli ordini alle 3 del pomeriggio e si occupava delle consegne il giorno successivo; ad un certo punto si rese conto che se cominciava a svolgere le operazioni di prelievo e assortimento durante le ore notturne, poteva estendere fino alle 6 del pomeriggio l’accettazione degli ordini e aumentare così il numero di ordini ricevuti.

4- La diminuzione del numero di articoli negli ordini

Un grossista giapponese di attrezzature e utensili vari (Yamazen), è riuscito nell’impresa di rendere possibile anche l’ordinazione di un solo pezzo per volta modificando l’unità tradizionale di ricevimento degli ordini. Anche l’azienda farmaceutica Takeda Ezai sta promuovendo con assiduità lo stesso sistema. L’azienda in questione ha aumentato il numero di ordini di piccole dimensioni che riceve ogni giorno, ma, avendo messo a punto un sistema di prelievo molto efficiente ed essendo perciò in grado di spedire a piccoli lotti, essa svolge un servizio rispondente ai bisogni del clienti, salvaguardando il suo fatturato.

5- La maggiore frequenza nelle consegne

Un grossista di alimentari per supermercati e negozi aperti 24 ore su 24 (Yuasa Funashoku), ha migliorato la frequenza di consegna dei propri prodotti arrivando a consegnare fino a due volte al giorno i prodotti richiesti. La frequenza più elevata nelle consegne, infatti, garantisce prodotti freschi e un livello di servizio che può considerarsi motivo di soddisfazione per i consumatori. Questa società è riuscita così ad aumentare il suo giro d’affari. I cestini da pasto e le polpettine di riso consegnati ai negozi aperti 24 ore su 24 vengono recapitati addirittura tre volte al giorno. Un costruttore di componenti automobilistici ha sincronizzato le consegne alle linee di montaggio: adesso recapita i componenti molto di frequente, monitora il livello delle scorte e contribuisce alla riduzione dei costi dei veicoli.

Ridurre il lead time, diminuire i materiali mancanti, prolungare la fascia oraria di ricevimento degli ordini, diminuire il numero di articoli negli ordini, incrementare la frequenza nelle consegne, sono tutte strategie valide che permettono alle diverse aziende di incrementare il fatturato e mantenere o aumentare le loro quote di mercato.

BIBLIOGRAFIA:

Kobayashi, S. (1998) “Rinnovare la Logistica. Come definire le strategie di distribuzione fisica globale”, Il Sole 24Ore, Milano

[1] Per ogni punto preso in esame si farà riferimento a casi aziendali che permetteranno di capire meglio come le aziende in questione hanno incrementato il proprio fatturato.

Operations, Produzione

Economie di specializzazione e integrazione verticale. Confronto tra due modelli organizzativi.

L’articolo che segue mette a confronto due modelli di produzione: da un lato, la piccola azienda che realizza una sola fase del ciclo produttivo e che realizza vantaggi economici derivanti da economie di specializzazione; dall’altro la grande impresa che concentra al suo interno tutte le fasi del processo produttivo (integrazione verticale). Esiste, dunque, un modello migliore dell’altro? Lo scoprirete leggendo l’articolo. Continua a leggere!

Logistica & Supply Chain Management, Operations

Gli elementi chiave che deve possedere un magazzino efficiente

Nell’articolo che segue si parlerà di magazzini, si cercherà di capire che ruolo hanno all’interno di un’azienda e quali caratteristiche deve possedere un magazzino per essere considerato un magazzino efficiente.
Continua a leggere!

Operations, Produzione

Il Just In Time e il Kanban

Quali sono le differenze tra un sistema push e uno pull? Che cos’è il sistema Just-In-Time? In che modo la tecnica del Kanban si integra con la filosofia Just-In-Time? Queste sono alcune delle domande a cui si cercherà di dare risposta nell’articolo che segue. Continua a leggere!

Logistica & Supply Chain Management, Operations

Le variabili della Logistica: le previsioni di vendita

Quale ruolo ricoprono le previsioni di vendita? In quali casi è importante per un’impresa dotarsi di un sistema di previsioni di vendita? Come si costruisce un sistema di previsioni? Ecco alcune domande a cui si cercherà di dare una risposta nell’articolo che segue.

Continua a leggere!

Acquisti, Operations

Come devono essere valutati e selezionati i fornitori.

Come sono evolute nel tempo le procedure di valutazione e selezione dei fornitori?Come devono essere valutati e selezionati i fornitori? Quali sono le categorie in cui vengono suddivisi i fornitori? Sono queste le domande a cui si cercherà di dare una risposta nell’articolo che segue. Continua a leggere!

Logistica & Supply Chain Management, Operations

Le variabili della Logistica: i sistemi informativi

Quali sono i sistemi informativi aziendali per la gestione della Logistica? Quali caratteristiche devono possedere? Nell’articolo che segue si cercherà di dare una risposta a questi interrogativi. Continua a leggere!

Logistica & Supply Chain Management, Operations

Le variabili della Logistica: la gestione delle scorte

L’articolo che segue individua le tre aree critiche attorno a cui si dipana il tema della gestione delle scorte e spiega quali metodi si utilizzano per determinare il livello minimo di scorte di sicurezza. Continua a leggere!

Logistica & Supply Chain Management, Operations

Le variabili della Logistica – i trasporti

Com’è cambiato il ruolo dei trasporti nella Logistica? Quanto conta il livello di servizio nella gestione dei trasporti? Quali sono le aree su cui intervenire? Sono questi gli interrogativi a cui si cercherà di dare una risposta con l’articolo che segue. Continua a leggere!

Operations, Produzione

I principi che regolano il Toyota Way

Il Toyota Way è l’applicazione del Toyota Production System (TPS) alle aziende che non fanno parte del settore automobilistico e che vogliono ripensare la propria organizzazione in chiave lean, ma quali sono i principi che stanno alla base di questa filosofia?
Continua a leggere!